.
Annunci online

Il blog del basket in Basilicata
13 dicembre 2013
I premiati del 5° Memorial Landi


Lunedì 16 dicembre alle ore 17.00 presso il Teatro Stabile in Piazza Prefettura a Potenza cerimonia di premiazione dei vincitori del 5° Memorial Edmondo Landi.

CESTISTA NAZIONALE ASSOLUTO

Cristiano Grappasonni, nato a Roma nel 1972, dopo le prime esperienze giovanili esordisce a Rieti in Serie A, già nel 1990 sotto la guida di Ezio Cardaioli.

Dopo la parentesi nelle Forze Armate Basket nel 1993, debutta nel professionismo come titolare, nel 1995-96 in Serie A2, con la Pallacanestro Trapani ma con la retrocessione della squadra siciliana rientra nell’AMG Sebastiani Rieti, in Serie B1.

Ricercatissimo come ala-pivot e per i suoi oltre due metri di altezza, viene apprezzato per le doti di qualità e raffinatezza tecnica, di agonismo e ottime percentuali di tiro, cominciando così un lungo percorso professionale.

Grappasonni torna in A2 nel 1998, con la Scandone Avellino, per passare nel 1999 nella Viola Reggio Calabria, ove conquista la promozione nella massima serie A1.

Successivamente, dopo aver indossato per un biennio dal 2000 la maglia della Pallacanestro Messina diventa una presenza fissa nel difficile e competitivo torneo di Legadue, passando dal Basket Club Ferrara allo Scafati Basket, dall’Orlandina Basket alla Dinamo Sassari ed ancora alla Juvecaserta Basket, conquistando con queste ultime altre due promozioni nella massima serie A1 e due Coppe Italia.

Da febbraio 2008 torna in Serie B1 con il Basket Trapani, per passare poi al Montecatini Terme, in Serie A Dilettanti, ed infine nell’Olimpia Basket Matera, dove per quattro stagioni dal 2009 gioca in Serie A Dilettanti diventandone uomo cardine oltre che capitano.

La costanza di rendimento di Grappasoni e le sue fondamentali prestazioni contribuiscono in maniera significativa a portare la Bawer nell’olimpo del basket nazionale, fino alla splendida stagione 2102-13 conclusasi con partecipazione ai play off contro il Ferrara per la promozione nella massima Serie professionistica.

Da quest’anno Grappasoni lascia il basket giocato ma rimane a Matera come Team manager non solo per una nuova carriera ma soprattutto per contribuire a mantenere alto lo spirito di squadra e di spogliatoio che caratterizza la Bawer.

CESTISTA REGIONALE

Giuseppe Di Capua, nato a Potenza nel 1972, cresce cestisticamente nelle giovanili del UISP e della Virtus sotto la guida di coach Gaetano Larocca.

Negli anni 80 e 90 diventa elemento di spicco nei campionati interregionali sotto la guida di allenatori come Bux, Fiore, Pierri, Moldovano che apprezzano le doti atletiche e tecniche soprattutto negli assetti difensivi e negli schemi sottocanestro.

Approda nel roster del Nuovo Basket e poi del Team Basket 2000 facendo anche importanti e significative esperienze: una breve presenza in altra regione come il Basket Juventus Reggio Calabria allenata da Modafferi in C2 e la partecipazione nella serie nazionale superiore della C1 con Larocca nel 2003 e Zecevic nel 2004.

Nei successi del Team Basket negli anni 2003-2005, Di Capua affianca efficacemente per alcuni anni Edmondo Landi, come più giovane ed affiatato supporto nelle difese, nei rimbalzi, nei giochi a due sottocanestro.

Successivamente, nel Nuovo Basket fino al 2007, è impegnato nei campionati di Serie D nei “roster” di giovani allenatori, come Lungo e Carta, che cercano in lui esperienza e agonismo nelle sue prestazioni.

Dal 2008 gioca nell’Invicta Potenza di Quaiattini, Di Capua si conferma ancora per le particolari doti di velocità e razionalità di gioco, visione di contropiede, difesa aggressiva, buone realizzazioni, abilità nei rimbalzi, e per le qualità umane: personalità, concentrazione, temperamento, attitudine al lavoro di squadra.

A seguito della sfavorevole riforma della federazione che non sempre facilita lo sviluppo del basket minore, Di Capua è costretto ad impegnarsi nella stagione 2012/2013 in un campionato a dimensione solo regionale, come la Promozione, che rappresenta però la vetrina utile per attività non professionistiche, con un mix di giovani alle prime esperienze ed anziani per un basket di puro divertimento.

Il Premio Landi a Di Capua è, infatti, il riconoscimento anche a quei talenti che non mollano il basket anche con impegnati in altri lavori, continuando a coltivare l’esercizio quotidiano di preparazione, sacrificio, ma anche di amicizia e solidarietà con i valori della società di appartenenza.

CESTISTA JUNIOR

Gabriele Martucci, nato a Roma nel 1999, inizia a 6 anni l’avventura prima nel minibasket del Principe di Piemonte Potenza e, dal 2010, nel minibasket del Nuovo Basket Club sotto la giuda di Gaetano Larocca.

Per il fisico, asciutto, atletico, già alto fra giovanissimi cestisti di medesima età, l’avventura di Gabriele nella pallacanestro sembra quasi segnata, Larocca comprende di insegnare ad un ragazzino speciale, sveglio, deciso ad apprendere.

Nella stagione 2011/2012, nella squadra esordienti inizia un graduale percorso di apprendimento del più complesso basket giocato, per cimentarsi nei primi tornei agonistici all’interno di un fantastico gruppo di amici di pregevole valore.

Martucci condivide con loro sia la vittoria al campionato “esordiente” sia la partecipazione alle finali nazionali di Caorle del Join The Game. Il talento di Gabriele e della squadra emergono sempre, pur non entrando in semifinale a causa della poca abitudine a competere in grandi eventi e squadre blasonate.

Il Nuovo Basket Club di Potenza, nella stagione 2012/2013, vince in Basilicata il campionato under 14 e si qualifica alle finali nazionali di Bormio. Gabriele dimostra la sua determinazione e le buone caratteristiche tecniche.

Arriva così anche la convocazione al raduno di avviamento tecnico federale centro-sud progetto azzurri del settore squadre nazionali di Battipaglia dal 26 febbraio al 2 marzo 2013 e al raduno di alta specializzazione progetto azzurri di Pescara dal 2 al 7 settembre 2013 condotto dal responsabile tecnico coach Andrea Capobianco.

Il 2013 rappresenta per Martucci il primo segnale per altri sogni. Entra nei piani della società Rayer Venezia, militante nella Serie A1 e PMS Torino militante in A Gold, che ne seguono lo sviluppo tecnico ed agonistico.

Tutto ciò alimenta la passione agonistica del giovane cestista lucano, utile a non rallentare l’impegno, e il Premio Landi spronerà, quella continuità di lavoro in palestra per l’ulteriore sua maturazione tecnica ed agonistica.

PREMIO SPECIALE DEL NUOVO BASKET CLUB

Maurizio Fanelli, giornalista di professione ed ex cestista, nato a Potenza nel 1980, comincia a giocare a basket a 7 anni, allenato da Gaetano La Rocca.

Nel “Team Basket Potenza”, fino al 1998, si unisce ad un gruppo di giovani compagni di squadra (Palazzo, Marino, Sarli, Cascarano, Nolè) militando e vincendo diversi campionati regionali, ma senza poter completare tale passione.

Infatti, nel 1998 si trasferisce a Roma per frequentare il Corso in “Scienze della Comunicazione” e dopo la laurea nel 2003 diventa giornalista, con la passione per lo sport, cominciando a fare esperienze nel Giornalismo Sportivo, come telecronista, commentando eventi di motor sport, tra cui la 24 ore di Le Mans.

Nel 2008 arriva anche il primo contratto in Rai, nella redazione motori e nel 2009 la prima telecronaca di basket (Eurolega femminile: Schio contro Salamanca), proseguendo nel commento di tre campionati italiani, un Europeo e un Mondiale di basket femminile.

Nel 2010 arrivano le prime telecronache di basket maschile con alcune partite di Lega 2 e la finale per il bronzo al Mondiale di Turchia e nel 2011 commenta ancora le prove libere del Gran premio d’Italia di Formula.

Comincia così l’avventura di Fanelli come telecronista della serie A di basket nel 2012 e, nel 2013, diventa la prima voce nelle Finali Scudetto. Pochi mesi fa, a settembre, è inviato per la Rai in Slovenia, dove segue l’Europeo, commentando tutte le partite degli azzurri e i principali incontri della rassegna continentale.

Il Premio Landi viene riconosciuto a personaggi che contribuiscono a sviluppare il basket anche senza un diretto coinvolgimento tecnico o dirigenziale; per questo viene apprezzata la presenza di un giornalista lucano nella scena nazionale, che descrive bene, anche grazie al tecnicismo di un vissuto cestistico, quel basket moderno, caratterizzato da tattiche innovative, rimanendo durante le sue telecronache a stretto contatto di cestisti e allenatori di alto prestigio e su platee altamente professionali.




basket
25 giugno 2013
Tutto il torneo under 18 in questo video




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. basilicata under 18 fip

permalink | inviato da BLOGBASKET il 25/6/2013 alle 14:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
basket
23 giugno 2013
Finale col botto dell'Italia al torneo under 18
 

Festa doveva essere e festa è stata. Lo sport oggi ha trionfato su tutto. Dimenticate le polemiche di ieri sera, il numerosissimo pubblico s’è godute le ultime due partite di questo bellissimo torneo.

La Croazia ha battuto senza patemi d’animo la Slovenia per 82 a 62. Ma l’attesa era tutta per gli azzurrini chiamati a riscattare il passo falso di ieri sera contro la Croazia. E i ragazzi di coach Capobianco non hanno deluso, anzi hanno entusiasmato, la più bella partita del torneo è stata proprio I’Italia – Turchia.

I turchi hanno dato spazio a tutti i componenti del team avendo già vinto in anticipo il torneo, ciò non vuol dire che non si sono impegnati, tutt’altro. Il pubblico s’è divertito ed appassionato per una partita giocata punto a punto e che alla fine ha visto prevalere una brillantissima Italia! 65 – 57 per gli azzurri e tutti in campo a festeggiare. Per via del regolamento l’Italia che è stata l’unica squadra a battere i turchi vincitori del torneo s’è classificata ultima! Ma chi se ne frega!

Un ringraziamento doveroso a tutti coloro che hanno lavorato sodo da mesi per organizzare in maniera impeccabile l’evento.

La città è tornata in massa a seguire il basket, ora si cominci a lavorare per costruire una società ed una squadra che riparta da un campionato nazionale. Le Istituzioni si facciano carico di avvicinare un gruppo di seri imprenditori per far rinascere il basket a Potenza.

Mica possiamo campare di ricordi o con la nostalgia per un evento, questo torneo, che ci ha fatto riassaporare il basket d’alto livello…..


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. under 18 fip basilicata

permalink | inviato da BLOGBASKET il 23/6/2013 alle 22:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        maggio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

 
 
 
 
ARCHIVIO ALDO SAPONARA
ARCHIVIO ANGELA GERALDI
ARCHIVIO BASKET TIME
ARCHIVIO COMITATO REGIONALE FIP
ARCHIVIO DONATO FIORE
ARCHIVIO ENZINO CAPIZZI
ARCHIVIO GAETANO LAROCCA
ARCHIVIO GIGINO LOMAGRO
ARCHIVIO GIOVANNI BLASONE
ARCHIVIO GIOVANNI PALAZZO
ARCHIVIO LUCA LOPOMO
ARCHIVIO MICHELE MONTEMURRO
ARCHIVIO MICHELE SARACINO
ARCHIVIO MICHELINA PASSANNANTE 
ARCHIVIO NICOLA BUX
ARCHIVIO NICOLA DORES
ARCHIVIO OLIMPIA MATERA
ARCHIVIO PEPPE GINEFRA
ARCHIVIO SALVATORE MARTIRE
ARCHIVIO SARACINO
ARCHIVIO SARACINO – ARBITRI
ARCHIVIO TANINO D’AIUTO
ARCHIVIO TONIO BILOTTI 
ARCHIVIO TOTORE NICASTRO
ARCHIVIO UMBERTO GINEFRA
ARCHIVIO VALENTINO VALISENA
BASKET IN CARROZZINA
DAL LIBRO IL SOGNO AMERICANO….
EDMONDO FOR EVER
EUROCLUB POTENZA
FESTA DEL BASKET FEMMINILE A POTENZA
INVICTA VISTA DA ALDO LA CAPRA
L’IGNIS A POTENZA
SQUADRE FEMMINILI
VITO FOR EVER

 
Si ringraziano gli amici che hanno collaborato a formare la corposa galleria fotografica disponibile visitando i link qui di seguito
 
  
 
 
_______________________
Scriveteci:
blogbasket@alice.it
 
 
ARCHIVIO VIDEO SU TOUTUBE
 
VIDEO DI LUCA LOPOMO